19.06.2014 (Il nuovo online.it) - paolodegiosa

Vai ai contenuti

Menu principale:

19.06.2014 (Il nuovo online.it)

news > Anno 2014


"Artista del mese -Maggio 2014" per la sua produzione, per qualità, vendibilità delle opere e gradimento del pubblico

                                                                                                                  
Un prestigio riconoscimento per l’arte pittorica di Paolo De Giosa


A chiusura della collettiva d’arte contemporanea, “Il ritratto di  Dorian Gray”, tenutasi a Roma presso l’Art Gallery “Coronari 111”, che  ha ospitato quindici nomi del panorama artistico nazionale ed estero,  Paolo De Giosa, pittore espressionista/figurativo abruzzese, con  importanti esposizioni  in rinomate capitali dell’arte  quali Genova,  Roma e Firenze, ha ricevuto la prestigiosa nomina di “Artista del mese  -Maggio 2014”, distintosi particolarmente per la sua produzione, per  qualità, vendibilità delle opere e gradimento del pubblico.
De Giosa ripercorre e reinterpreta la  ricerca artistica incentrata  sul tema delle “Assenze”. Volti alienati in una rivisitazione  “renaissance” appartenenti ad epoche parallele mancanti di una parte che  in realtà è svanita, un'”ASSENZA”. Il cammino artistico di De Giosa, sviluppatosi nelle frequentazioni  artistiche contemporanee e volto alle rivisitazioni di grandi capolavori  del passato, vede oggi nella sua arte e nelle sue “Assenze” un gesto  voluto, un necessario protrarsi verso ciò che è svanito nella richiesta  d’attenzione dell’interlocutore.
Importanti scenari e possibilità artistiche si prospettano nel  percorso creativo di De Giosa, dalla partecipazione alla biennale di  Palermo 2014, ad una  bipersonale a Firenze  nella rinomata piazza della  Repubblica, ad una collettiva  dal gusto tutto italiano che si terrà a  Naples (Florida USA) nel 2015. “Personalmente – ha commentato De Giosa a margine del riconoscimento  romano – la ritengo una tappa artistica importante e spero che la  notizia in essere possa dare nel suo piccolo lustro alla realtà  culturale del territorio”.


                                                
Torna ai contenuti | Torna al menu